news 10.02.2015

Campionati del mondo di sci alpino 2021

Confindustria Belluno Dolomiti: bene l'appoggio della Regione, ora compattezza intorno alla candidatura di Cortina d'Ampezzo

«L’appoggio della Regione Veneto alla candidatura di Cortina d’Ampezzo per i mondiali di sci alpino del 2021 conferma che, nonostante la grande delusione per precedenti tentativi andati a vuoto, c’è la volontà di raggiungere questo importante obiettivo. L’auspicio è siano presto superate diffidenze e perplessità e che vi sia la più ampia e convinta condivisione». Così Luca Barbini, presidente di Confindustria Belluno Dolomiti, commenta l’approvazione, da parte della giunta regionale, della delibera che ufficializza il sostegno alla località bellunese in vista dell’assegnazione manifestazione iridata.

«Anche la nostra associazione – prosegue Luca Barbini - rinnova il supporto alla candidatura ampezzana: siamo infatti convinti che la vetrina offerta da questa manifestazione rappresenti un’opportunità per tutto il territorio bellunese e per la montagna veneta più in generale. Sappiamo di dover fare ‘sistema’ e un evento internazionale legato allo sci  è l’occasione giusta per muoverci in modo compatto e deciso, anche perché questa potrebbe essere un’occasione per realizzare quelle opere strategiche per l’economica provinciale che sino ad oggi sono state rimandate». «Sarà importante – aggiunge il presidente dell’associazione industriali - non solo capire se e quali errori sono stati commessi soprattutto nell’ultimo tentativo andato male, ma anche ripartire da quanto di positivo è stato fatto. Mi riferisco, ad esempio, alla grande attenzione ai temi della sostenibilità ambientale e al coinvolgimento di tutti soggetti interessati: dagli operatori turistici ai giovani, dalle categorie economiche alle istituzioni».

«I mondiali di sci – conclude il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti – attirano nelle località che li ospitano decine di migliaia di visitatori e assicurano una visibilità stimata in non meno di mezzo miliardo di telespettatori. Se stavolta riusciremo finalmente ad ottenere l’assegnazione della manifestazione iridata, le Dolomiti diventeranno la capitale dello sci e l’intero distretto verrà coinvolto e beneficerà di grandissimi ritorni sia a livello promozionale, sia sul piano ricettivo e infrastrutturale. Conquistare i mondiali del 2021, perciò, è un obiettivo in se stesso, ma è anche l’inizio di un percorso che riguarderà tutto il tessuto economico e sociale del bellunese e che porterà al risultato auspicato solo con l’aiuto e la collaborazione di tutti».

 

credito fotografico: www.bandion.it