news 16.06.2016

Clorofilla. Arti Pubbliche Condivise a Belluno, Lorenzago di Cadore e San Gregorio nelle Alpi

Per chi pensa a un itinerario d'arte sulle Dolomiti Bellunesi, i nomi che vengono in mente sono ormai antichi: da Tiziano Vecellio (e bottega) ad Andrea Brustolon o Ippolito Caffi… Ci sono poi certo alcuni luoghi inaspettati di esposizioni pittoriche di altissimo livello, come il museo Rimoldi a Cortina d'Ampezzo, con i suoi spettacolari Sironi.

Negli ultimi anni però qualcos'altro si muove in Provincia, e c'è chi va creando arte contemporanea – e pubblica – per chi le Dolomiti le abita, oltre che per chi le attraversa, attratto da cime inviolate.

 

Dal 18 al 3 luglio torneranno a Belluno gli artisti di Clorofilla, la rassegna di arti pubbliche condivise che per la prima volta nel luglio 2015 ha colorato la città di opere d'arte a cielo aperto, su muri altrimenti dimenticati o abbandonati.

 

La direzione artistica di Clorofilla è affidata a Ericailcane, e in occasione della seconda edizione della rassegna si arricchisce del contributo e delle visioni altre degli artisti sardi Andrea d'Ascanio e Kiki Skipi. Ericailcane è un artista bellunese oggi conosciuto in tutto il mondo, ed è l'ideatore dell'evento Clorofilla, pensato e organizzato insieme a Casa dei Beni Comuni.

 

Casa dei Beni Comuni è un laboratorio cittadino di partecipazione che da qualche anno gestisce alcuni spazi all'interno dell'ex caserma Piave, un'enorme area alle porte della città. La caserma, abbandonata ormai da anni, è oggi uno spazio di verde incolto, hangar, magazzini militari…. e muri. Proprio da questi muri è cominciata nel 2015 l'esperienza di Clorofilla: gli artisti hanno iniziato colorando di forme e suggestioni le piazze e le vie silenziose della caserma. Ad accogliere i visitatori curiosi (l'ex caserma si trova in via Tiziano Vecellio, 71) oggi c'è un'enorme balena su muro rosso, e poi il cervo della Casa dei Beni Comuni, il grillo di ferro, l'orso bianco, il coniglio in panciotto e tutte le splendide opere di colore che rendono preziosi e allegri muri un tempo lasciati marcire.

 

Quest'anno, oltre ai direttori artistici Ericailcane, Andrea D’Ascanio e Kiki Skipi, dipingeranno a Clorofilla moltissimi altri nomi della street art internazionale: Andrea Casciu, Andreco, Beehive Collective (Carol Rojinegro), il bellunese Marco De Barba, Crisa, Bastardilla, Canemorto, Ciredz, Dem, Hitnes, Geometric Bang, Padiy…

 

Oltre a continuare a riempire di racconti e colore i muri della caserma, gli artisti del 2016 porteranno l'arte anche in città: già l'anno scorso Ericailcane aveva regalato a Belluno il ricordo della beffa di Baldenich dipinto su una torretta dell'Enel, e Bastardilla aveva colorato di blu una storia di migrazioni in pieno centro città. La novità di quest'anno è che oltre al centro di Belluno alcuni artisti comunicheranno a colpi di pennello anche più lontano e più in alto, nei comuni di San Gregorio delle Alpi e a Lorenzago di Cadore. Nel bel mezzo delle Dolomiti, in paesi che con la street art pensano probabilmente di avere ben poco a che spartire.

 

Il programma di Clorofilla 2016 è molto ricco: oltre agli artisti all'opera, sono previsti eventi di live printing, concerti (Comaneci, Michele Bombatomica & The Dirty Orchestra, Heatens, Moletti & Giorgio Murer, Ravioli Giganti, Porco del Reato, Paolo Vaccaro, Danae, DJ Bubble, DJ Sciacallo & DJ Smitch) e spettacoli, proiezioni, presentazioni di libri…

Il programma completo, in costante aggiornamento (perché Clorofilla è una rassegna spontanea, che si arricchisce giorno per giorno di nuove performance e collaborazioni), si trova sul sito clorofillabl.it.

 

 

Crediti fotografici:  Alice Bettolo

 

NOTIZIE CORRELATE
news 04.03.2014

WORKS