evento 10.12.2015

Giornata mondiale dei diritti umani, la mostra "Gli anni delle guerre e delle ricostruzioni" apre gratuitamente al pubblico

Si celebra il 10 dicembre in tutto il mondo. Il messaggio degli organizzatori: l’accesso alla cultura è un diritto di tutte le persone, anche perché proprio la cultura rappresenta un elemento fondamentale nella lotta alla povertà e all’esclusione sociale

Il 10 dicembre si celebra in tutto il mondo la “giornata mondiale dei diritti umani” e per l’occasione è prevista l’apertura gratuita della mostra “Gli anni delle guerre e delle ricostruzioni 1914 – 1964”, organizzata dalla Pro Loco Zumellese, in collaborazione con Confindustria Belluno Dolomiti e il Comune di Mel, e allestita al Palazzo delle Contesse, nel centro storico del paese. La giornata è tradizionalmente onorata con conferenze di alto profilo politico ed eventi culturali come mostre o concerti, riguardanti soprattutto il tema dei diritti umani. «Vogliamo celebrare simbolicamente questa importante ricorrenza – spiegano i curatori della mostra – con un messaggio specifico: l’accesso alla cultura è un diritto di tutte le persone, anche perché proprio la cultura rappresenta un elemento fondamentale nella lotta alla povertà e all’esclusione sociale. Per questo abbiamo scelto il 10 dicembre per aprire gratuitamente la mostra al pubblico».

Il progetto artistico intende rivisitare i percorsi dell’arte italiana nel cinquantennio che va dal 1914 al 1964, un periodo storico segnato da due conflitti mondiali e dalle ricostruzioni che ne sono seguite. In questo mezzo secolo di profondi mutamenti storici, assistiamo a un costante intreccio tra le proposte innovative e destabilizzanti delle avanguardie e la consacrata fedeltà alla matrice classica della nostra cultura, tratto caratteristico delle correnti più tradizionaliste. La mostra, che resta aperta sino al sei gennaio, di Mel permette dunque di vedere le opere realizzate dai più importanti artisti negli anni drammatici delle guerre e nei periodi di grande energia creativa che ne sono seguiti.

Inaugurata il primo ottobre, la rassegna sta riscuotendo un ottimo successo di critica e di pubblico: in queste settimane è stata apprezzata tanto dagli adulti quanto dalle numerose scolaresche che l’hanno visitata. Positiva anche la visibilità ottenuta a livello nazionale, con articoli e recensioni pubblicati su diverse testate, a conferma del grande interesse riscontrato da questo evento.

«Siamo soddisfatti – è il commento della pro Loco Zumellese – perché abbiamo riscontrato non solo un afflusso incoraggiante, ma anche giudizi positivi sulla qualità e sul livello delle opere esposte. Adesso ci attendiamo un ulteriore incremento delle visite, in particolare durante le festività natalizie, che peraltro corrispondono agli ultimi giorni di apertura. La rassegna chiuderà infatti il sei gennaio». Del resto, in mostra ci sono i principali pittori del Novecento italiano: Giorgio De Chirico, Virgilio Guidi, Filippo De Pisis, Giorgio Morandi, Zoran Music, Tancredi Parmeggiani, Afro Basaldella, Lucio Fontana. Sessanta complessivamente le opere esposte, tutte provenienti da collezioni private del Triveneto e dunque difficili da vedere.

La Pro Loco Zumellese è lieta di invitarVi all'apertura straordinaria della mostra "Gli anni delle guerre e delle ricostruzioni 1914-1964" che si terrà domenica 06 dicembre alle ore 19.00 presso il Palazzo delle Contesse di Mel.

Un'occasione unica per gustare, non solo con gli occhi, i capolavori presenti a Mel.

La serata comprende una visita guidata alla mostra a cui si accompagnerà un aperitivo nelle sale espositive.

Costo della serata 12 €

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA con messaggio privato o contattando il numero 3275526262