news 12.02.2015

Riccardo Gaspari protagonista a identità golose

lo chef dell’agriturismo El Brite de Larieto di Cortina d’Ampezzo, protagonista a Milano al congresso internazionale di cucina d’autore Identità Golose

Riccardo Gaspari, già “Artigiano del Gusto 2014” al congresso internazionale di cucina d’autore Identità Golose e segnalato su dissapore.com tra i 5 chef emergenti del 2015 è tornato a Milano da protagonista, tenendo una delle otto lezioni di domenica 8 febbraio proprio in occasione di Identità Montagna: la prima giornata del celebre congresso dedicata esclusivamente ai sapori e al gusto in alta quota (www.identitagolose.it).

 

«È stata una grande soddisfazione tornare nuovamente qui, in questo tempio della cucina nazionale e internazionale» ha affermato Riccardo «Ludovica e io eravamo davvero molto emozionati, ma Identità Golose è una grande famiglia. Persino Massimo Bottura ci ha assistiti nel servire la nostra Tartare di Speck, rielaborata per l’occasione, e i Canederli di rapa rossa: un onore incredibile».

 

E infatti “Riki”, ex azzurro della discesa libera e mago dei fornelli del noto agriturismo El Brite de Larieto a Cortina d’Ampezzo, è un esempio di come «rivisitare la tradizione, ma non come fanno tanti dimenticando origini e caratteristiche» (Carlotta Girola su dissapore.com: www.dissapore.com/grande-notizia/chef-italiani-5-nomi-destinati-a-un-grande-2015/). Una filosofia che Riccardo Gaspari ha raccontato non solo attraverso gli squisiti patti che lo hanno reso noto, ma anche a parole: «La mia cucina mira al minimalismo, nel senso di una tradizione rivisitata “al meglio”, puntando sulla qualità e sulla stagionalità delle materie prime. Un percorso che, nel caso di El Brite de Larieto e del Caseificio Piccolo Brite, si riduce a un tragitto brevissimo: quello tra la stalla e la tavola».

 

Ma l’avventura non è durata lo spazio di un sol giorno. Lunedì 9 febbraio, nello stand dedicato – operativo lungo tutti e tre i giorni del congresso – lo chef ha cucinato ben 180 porzioni degustazione di Gnocchi Soreghina ripieni di formaggio: una vera e propria prelibatezza, che non ha lasciato indifferenti gli esperti di settore e gli stessi chef, intervenuti a Identità Golose.

 

credito fotografico obbligatorio: Foto Brambilla-Serrani.