evento 21.05.2015

Vacanza adrenalinica a Cortina

Brividi verticali con il nuovissimo percorso della Dolomiti Ampezzane

Sport outdoor,  con un percorso emozionante tra rocce e (due) ruote. È l’ultima proposta turistica di Cortina: una vacanza adrenalinica sulle Dolomiti Patrimonio UNESCO con un tour di due-tre giorni che include discese freeride per mountain bike, vie ferrate e risalite in seggiovia e funivia, con pausa gourmand presso i rifugi.
Accompagnati da una colonna sonora perfetta per dare la carica (ovviamente rock) si vive un’esperienza emozionante a contatto con la natura, in un percorso unico nel suo genere che gira attorno a Cortina fino a raggiungere la cima più alta della valle ampezzana, la Tofana di mezzo, a quota 3.244 metri.
Si parte, mountain bike alla mano, dal cuore di Cortina, dove lo sguardo può percorrere il paesaggio a 365° e ammirare le Dolomiti che cingono la Regina delle Dolomiti. Si prende la Funivia del Faloria fino alla stazione intermedia di Mandres, mentre la bicicletta viene fatta arrivare in vetta. Da qui si inizia a piedi la “verticalissima” Sci 18, la via ferrata più impegnativa della zona e anche una delle più recenti (nata nel 2009). Raggiunta la vetta ci si può concedere una piccola pausa contemplando un panorama ineguagliabile sulla conca ampezzana e sulle Tofane. Quindi si sale a bordo della propria MTB e si inizia la discesa freeride verso Rio Gere, dove è possibile fermarsi per un pranzo rigenerante seduti nella terrazza esterna. Da qui si raggiunge il versante opposto e si prende la seggiovia fino al Rifugio Son Forca: parcheggiata la bicicletta, con l'ovovia si sale fino alla forcella Staunies e al rifugio Lorenzi, nel cuore del monte Cristallo, a quasi 3.000 metri di altezza. Qui, ad aspettare i più temerari, c'è la ferrata Marino Bianchi: armati di moschettoni e imbragatura si parte per affrontare un percorso estremamente panoramico lungo le creste di uno dei monti più maestosi delle Dolomiti ampezzane (il tragitto va seguito all'andata e al ritorno). Al termine della giornata si può pernottare al Rifugio Lorenzi o al Rifugio Son Forca.
Il mattino successivo si rimonta in sella alla MTB per un emozionante freeride lungo la Val Padeon e la Val Granda fino a raggiungere il Ristorante Ospitale. Da qui, magari dopo una pausa culinaria, si continua sulla storica Lunga via delle Dolomiti fino a Cortina, percorrendo il tracciato della vecchia ferrovia. Un itinerario con passaggi in gallerie e ponticelli che sembrano sospesi nel vuoto, teatro di grandi eventi sportivi internazionali: dalla Dobbiaco-Cortina sugli sci di fondo alla Cortina-Dobbiaco Run.
Allo Stadio del Ghiaccio si prende la funivia Freccia nel Cielo, bici al seguito, per raggiungere il Rifugio Col Drusciè. Montati in sella si scende fino a Pié Tofana e con gli impianti ci si sposta in quota fino ai rifugi Duca d’Aosta e Pomedes, dove si parcheggia la bicicletta e, volendo, si può fare un’altra sosta prima di intraprendere la parte più impegnativa del percorso. Si riprende il tour con la storica ferrata Punta Anna, un giro ad anello sui contrafforti della Tofana di mezzo tra pareti, scalette e brividi verticali, con visioni indimenticabili sullo skyline dell’imponente e vicina Tofana di Rozes, per poi arrivare a Ra Valles.

A questo punto è possibile rientrare a Pomedes, mentre i più impavidi e instancabili possono proseguire in croda con la via ferrata Gianni Aglio per raggiungere la vetta più alta delle Dolomiti d'Ampezzo, la cima della Tofana di Mezzo, a 3.244 metri di altezza: da qui si ammira un panorama eccezionale sulle vette e il paesaggio circostante. Dalla cima della Tofana di Mezzo si può scendere con la funivia e raggiungere Ra Valles per poi ritornare a Pomedes e da qui riprendere la bicicletta per rientrare a Cortina (o fermarsi al rifugio per la notte).

A fare da colonna sonora al tour, una playlist con tanta musica rock selezionata appositamente per dare la carica lungo le “scalate” e le discese sulle due ruote. La raccolta di brani è disponibile su Spotify al seguente link e in un secondo momento diventerà “collaborativa”, in modo che tutti gli iscritti possano contribuire aggiungendo i brani preferiti, sempre all’insegna del “rock and roll tour”

https://open.spotify.com/user/dolomiticortina/playlist/2lbckvv3BvT1aV8VhwgFdY


Cortina Turismo mette inoltre a disposizione il Bike Pass: un'unica tessera per accedere agli impianti di risalita e avventurarsi lungo i sentieri sulle due ruote (http://cortina.dolomiti.org/index.cfm/Lift-Area/Hiking-Bike-Pass/).

Punti di appoggio lungo il percorso

 

Rifugio Faloria (www.cortinacube.it)

Rifugio Capanna Tondi (www.rifugiocapannatondi.it)
Ristorante Rio Gere (www.riogere.it)
Rifugio Son Forca (www.rifugiosonforca.it)
Rifugio Lorenzi (www.rifugiolorenzi.it)
Ristorante Ospitale (www.ristoranteospitale.com)
Rifugio Col Drusciè (www.freccianelcielo.com)

Rifugio Ra Valles (www.freccianelcielo.com)
Ristorante Piè Tofana (www.baitapietofana.it)

Rifugio Duca d’Aosta (www.rifugioducadaosta.com)
Rifugio Pomedes (www.rifugiopomedes.dolomiti.org)

 

Per maggiori informazioni

http://cortina.dolomiti.org/index.cfm/Cosa-fare/Rock-and-roll-tour/