news 18.12.2013

Vacanze di natale, Cortina d’Ampezzo e le dolomiti bellunesi puntano al tutto esaurito

La Regina delle Dolomiti sembra non temere la crisi. Segnali positivi anche dalle altre località. E per gennaio si aspettano gli stranieri.

Cortina d’Ampezzo punta al tutto esaurito per le vacanze di Natale. La Regina delle Dolomiti sembra non temere la crisi, anche se qualche preoccupazione sul proseguimento della stagione c’è. Cosa succederà dopo l’Epifania? «Vedremo», dicono gli operatori della conca. Che, intanto, si concentrano sulle ormai prossime festività natalizie. Per questo periodo clou arrivano segnali incoraggianti. Anche dalle altre località delle Dolomiti Bellunesi. «Le prenotazioni – afferma Fabrizio Piller Roner, presidente del Consorzio Turistico di Sappada, territorio di confine – sono in linea con lo scors o anno. Non c’è crescita, ma una tenuta sì. Anche grazie alla neve, che quest’anno, grazie al cielo, è caduta presto». «Per Natale e Capodanno – spiega all’Agenzia Ait Dolomiti Gherardo Manaigo, presidente degli Albergatori di Cortina d’Ampezzo – abbiamo tante richieste e per la notte di san Silvestro contiamo di arrivare al tutto esaurito. Per gennaio, febbraio e marzo non sappiamo cosa attenderci: gli italiani, se prenotano, lo fanno all’ultimo, anche in base alle condizioni della neve. Che dire? Aspettiamo gli stranieri». «L’inizio dicembre e le presenze al Cortina Fashion Week End – concorda la direttrice di Cortina Turismo, Cinzia Confortola - fanno presagire una buona stagione invernale, anche grazie alla nostra intensa attività promozionale. Cortina d’Ampezzo è pronta con tanti appuntamenti, novità e soprattutto con tutti gli impianti di risalita aperti a partire dal 24 novembre. Le previsioni sugli arrivi per il sistema montagna sono assolutamente positive, così come le prenotazioni per il Natale».

«La stagione - sostiene Stefano Mannelli, direttore di Dolomiti Stars, il consorzio turistico dell’Agordino - è partita puntuale. Grazie alle nevicate delle scorse settimane e alle basse temperature che hanno permesso di mettere in funzione l’impianto di innevamento programmato è stato possibile aprire gran parte degli impianti e delle piste già a fine novembre. Dal week-end dell’8 dicembre, che per tradizione segna il vero via della stagione, tutte le ski aree del territorio di Dolomiti Stars Ski Civetta (con le piste di Alleghe, Selva di Cadore e Val di Zoldo), Passo San Pellegrino-Falcade e Arabba-Marmolada sono in piena attività. Questo ci fa guardare con fiducia al periodo natalizio, che per gli operatori turistici invernali rappresenta uno dei momenti più importanti del’intera stagione, ma sempre con moderato ottimismo perché la crisi che ha colpito tutta l’economia in Italia, e non solo da noi, ha avuto un’inevitabile ricaduta anche sul settore turismo, questo non si può nascondere».

«Dal punto di vista tecnico – aggiunge Stefano Mannelli - sono stati fatti lavori di miglioramento e messa a punto dei dettagli in tutte le ski aree ma la vera novità impiantistica è ad Arabba dove c’è una nuova seggiovia a 6 posti, carenata, a sganciamento rapido, con una portata oraria di oltre 2400 persone, che migliorerà ulteriormente il collegamento di Arabba con il Passo Pordoi e il resto dello ski tour del Sella Ronda, il carosello tra i più apprezzati dagli sciatori di tutto il mondo. Inoltre è stato fatta un’attività importante di promozione del territorio e dell’offerta turistica targata Dolomiti sia in Italia che all’estero».

«Per quel che riguarda la nostra area – dice Aldo Corte Metto, direttore del Consorzio Auronzo Misurina – si conferma un trend ormai diffuso: prenotazioni last minute, concentrate soprattutto a ridosso di Capodanno, quando si annuncia il pienone. Quest’anno, ai turisti, proponiamo alcune novità interessanti: il campo scuola illuminato, l’animazione per famiglie a bordo pista e l’auto-cronometraggio su tracciato fisso per tutti gli sciatori che vogliono mettersi alla prova».

TAG ASSOCIATE